Login

Accesso Utenti
lunedì 22 ottobre, 2018
Mercoledì, 13 Giugno 2018 18:05

Test Ixip

Pubblicato in Rassegna Stampa

Si chiama ixpi e viene eseguito con un prelievo di sangue

L’urologo Rigatti: “riduce ricorso a biopsie prostatiche”

E’ stato introdotto alla Fondazione Giglio di Cefalù un nuovo test per la diagnosi di tumore alla prostata denominato ”Ixip”. Il test viene eseguito dal centro prelievi del laboratorio analisi del Giglio su un semplice campione di sangue. L’esito fornisce al medico l’indice di probabilità di tumore alla prostata ancor prima di eseguire la biopsia prostatica. Evitando quindi al paziente di essere sottoposto a un esame invasivo.

“Nell’ultimo congresso americano di urologia, che si è tenuto a San Francisco - ha detto il professore Patrizio Rigatti - l’Ixpi è stato ritenuto il test diagnostico sulla prostata attualmente più affidabile con una certezza del risultato pari al 90 percento. In caso di esito positivo l’Ixpi ci offre anche l’indice di aggressività del tumore. Non sostituisce - ha aggiunto Rigatti - il PSA che è l’esame di routine ma quando questo è mosso o sospetto attraverso l’Ixip il medico può definire la diagnosi con accuratezza.

L’ixip - ha precisato l’urologo - deve essere preceduto dall’ecografia rettale (Digital Rectal Exam) per determinare il volume della prostata e/o dalla risonanza magnetica multiparametrica per evidenziare anche le zone di rischio (Piras)”.

L’Ixpi viene, infatti, calcolato sulla base di quattro parametri: livelli sierologici di PSA, livelli sierologia di PSA-Igm (immunoglobine), il volume della prostata e l’età del paziente.

“Processando questi parametri - ha aggiunto Martino Tinaglia, responsabile del laboratorio analisi - determiniamo il rischio di tumore alla prostata da nullo a molto alto”. “Su un valore di rischio medio - ha sottolineato Rigatti - viene consigliata la Biopsia”.

Il laboratorio di Cefalù è il primo in Sicilia ad eseguire questo test.

“L’urologia di Cefalù - ha detto il direttore generale Vittorio Virgilio - si conferma un’eccellenza della sanità siciliana sia sotto il profilo della diagnosi che della cura con un equipe di chirurghi di elevata professionalità”. Soddisfazione per l’introduzione di questo nuovo test diagnostico è stata espressa dal presidente del Consiglio di amministrazione, Giovanni Albano “ritenendo l’innovazione in sanità elemento fondamentale per qualificare una struttura”.

Al Giglio viene, inoltre, eseguito anche il test delle cellule tumorali circolanti (Ctc) indicato anche per altri tumori come mammella, colon ovaie, il fish test e la risonanza magnetica con bobina endorettale per la diagnosi del tumore alla prostata.

L’Ixpi è un esame non rimborsato dal servizio sanitario nazionale con un costo a carico del paziente di euro 65,00. Non occorre la prenotazione, viene eseguito a digiuno e al mattino. Il paziente al momento del test deve essere in possesso di altro esame strumentale che indica il volume della prostata che è uno dei parametri per il calcolo dell’Ixpi.

11 vl/com 2018

Pubblicato in Comunicati stampa

Il vescovo eletto di Cefalù, monsignor Giuseppe Marciante, sabato 14 aprile alle ore 15, farà precedere l’ingresso in diocesi per l’inizio del cammino pastorale, dal saluto e dalla benedizione ai pazienti della Fondazione Giglio di Cefalù.

Ad accoglierlo saranno i vertici della Fondazione Giglio, il presidente del Consiglio di Amministrazione, Giovanni Albano, e il direttore generale Vittorio Virgilio, unitamente al cappellano dell’ospedale monsignor Sebastiano Scelsi.

Nella hall di ingresso dell’ospedale sono previsti gli indirizzi di saluto con un momento di preghiera con un intervento della corale “Musica per l’uomo” diretta dal maestro Livio D’Angelo. Poi la visita di alcuni reparti.

Monsignor Marciante, aveva voluto anticipare nel primo messaggio inviato alla Diocesi, subito dopo la nomina del Santo Padre, il suo saluto agli ammalati.
Il primo saluto - scrisse il presule - lo riservo a tutti coloro che soffrono o per malattia o per povertà. Presto vorrei conoscervi e ascoltare il vostro autorevole Magistero”. Ed aveva “chiesto ai direttori, al personale sanitario e ai cappellani dell’Ospedale Giglio di Cefalù e Madonna dell’Alto di Petralia Sottana di dare una carezza a tutti gli ammalati portando la tenerezza del Vescovo”.
Sabato 14 aprile sarà lo stesso vescovo ad offrire un gesto di vicinanza a chi soffre.

Dopo la visita al Giglio il neo vescovo di Cefalù, alle ore 16,30 sarà accolto dalle autorità cittadine e del territorio in piazza Garibaldi per poi recarsi alle ore 17 in Cattedrale per la solenne concelebrazione eucaristica e l’inizio del ministero pastorale.

Nella stessa mattinata, alle ore 12 monsignor Marciante, presiederà un momento di preghiera al Santuario di Gibilmanna e pronuncerà l’atto di affidamento a Maria Santissima di Gibilmanna patrona della Diocesi di Cefalù.

La visita al Giglio di Cefalù sarà trasmessa in diretta Facebook sulla pagina della Fondazione Giglio a partire dalle ore 14.45.

Pubblicato in Comunicati stampa

Il vescovo eletto di Cefalù, monsignor Giuseppe Marciante, sabato 14 aprile alle ore 15, farà precedere l’ingresso in Diocesi per l’inizio del cammino pastorale da un saluto e una visita ai pazienti della Fondazione Giglio di Cefalù.

Ad accoglierlo saranno i vertici della Fondazione Giglio, il presidente del Consiglio di Amministrazione, Giovanni Albano, e il direttore generale Vittorio Virgilio, unitamente al cappellano dell’ospedale monsignor Sebastiano Scelsi.

Nella hall di ingresso dell’ospedale sono previsti gli indirizzi di saluto con un momento di preghiera. Poi la visita di alcuni reparti.

Monsignor Marciante, aveva voluto anticipare nel primo messaggio inviato alla Diocesi, subito dopo la nomina del Santo Padre, il suo saluto agli ammalati. “Il primo saluto - scrisse il presule - lo riservo a tutti coloro che soffrono o per malattia o per povertà. Presto vorrei conoscervi e ascoltare il vostro autorevole Magistero”. Ed aveva “chiesto ai Direttori, al personale sanitario e ai cappellani dell’Ospedale Giglio di Cefalù e Madonna dell’Alto di Petralia Sottana di dare una carezza a tutti gli ammalati portando la tenerezza del Vescovo”.

Sabato 14 aprile sarà lo stesso vescovo ad offrire un gesto di vicinanza a chi soffre.

Dopo la visita al Giglio il neo vescovo di Cefalù, alle ore 16,30 sarà accolto dalle autorità cittadine e del territorio in piazza Garibaldi per poi recarsi alle ore 17 in Cattedrale per la solenne concelebrazione eucaristica e l’inizio del ministero pastorale.

Per la cronaca alle ore 12 monsignor Marciante, all’arrivo a Cefalù, si recherà al Santuario di Gibilmanna per l’affidamento alla madonna.

La visita al Giglio di Cefalù sarà trasmessa in diretta Facebook sulla pagina della Fondazione Giglio. 

Pubblicato in Attività
Martedì, 03 Aprile 2018 12:43

La sindrome di Chiari

CONOSCERE LA SINDROME DI CHIARI
UNA MALATTIA NEUROLOGICA RARA (MA NON TROPPO)

sabato 7 aprile 2018 h. 9.30 - 13.00

Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù

Sala San Gabriele

 

Presidente: Prof. Vittorio Virgilio, Direttore Generale, Fondazione Istituto Giglio di Cefalù

Responsabili scientifici:
Dott. Luigi M.E. Grimaldi, Responsabile U.O. Neurologia Fondazione Istituto Giglio, Cefalù
Dott. Valerio Alaimo, Neuroradiologia Fondazione Istituto Giglio, Cefalù

 

Destinatari: incontro tra operatori sanitari e pazienti

 

Programma:

ore 9,00 REGISTRAZIONE PARTECIPANTI

ore 9,15 SALUTI E INTRODUZIONE AI LAVORI
Giovanni Albano
Rosario Lapunzina
Vittorio Virgilio

ore 9,30 Moderatori: Giuseppe Galardi, Annalisa Del Verme

Luigi Grimaldi
Malformazione Arnold Chiari e Siringomielia

Valerio Alaimo
La diagnosi neuroradiologica

Paolo Morana
La diagnosi neurofisiologica

ore 10,30 Discussione

ore 10,50 Intervallo

ore 11,20 Moderatori: Luigi Grimaldi, Abbate Giuseppe

Vincenzo Scaglione
Le terapie chirurgiche

Giuseppe Galardi
La riabilitazione

ore 11,40 Discussione

ore 12,20 Moderatori: Valerio Alaimo, Longo Domenico

Annalisa Del Verme
Organizzazione e ruolo dell’AISMAC a livello nazionale

Silvia Cascio
Organizzazione e ruolo dell’AISMAC in Sicilia

Rosa Foto
Organizzazione e ruolo dell’AISMAC in Sicilia

ore 12,50 CHIUSURA dei lavori

Segreteria Aismec:

  • Silvia Cascio tel: 3206110909 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Aismac Sicilia: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Relatori e Moderatori

Giuseppe Abbate - MMG, Lascari
Giovanni Albano - Presidenza Fondazione Giglio Cefalù
Valerio Alaimo - Radiologia, Fondazione Giglio Cefalù
Silvia Cascio - AISMAC, Palermo
Annalisa Del Verme - AISMAC, Torino
Rosa Foto - AISMAC, Palermo
Giuseppe Galardi - Riabilitazione, Fondazione Giglio, Cefalù
Luigi Grimaldi - Neurologia, Fondazione Giglio, Cefalù
Rosario Lapunzina - Sindaco di Cefalù
Domenico Longo - MMG, Campofelice di Roccella
Paolo Morana - Neurologia, Clinica Morana, Marsala
Vincenzo Scaglione - Neurochirurgia, Ospedale Civico, Palermo
Vittorio Virgilio - Direzione Generale, Fondazione Giglio, Cefalù

 

Per saperne di più visita il sito dell'Aismac Associazione Italiana Siringomielia e Arnold Chiari

 

Pubblicato in Convegni

 

 “Sento la necessità di ringraziare monsignor Vincenzo Manzella che ci ha seguito in questi anni e che mi ha assicurato, con una telefonata personale, continuerà a farlo anche in futuro pur lasciando la Diocesi di Cefalù”. Lo ha detto il direttore generale della Fondazione Giglio di Cefalù, Vittorio Virgilio, al termine del precetto pasquale celebrato, in ospedale, da mons. Manzella, amministratore apostolico di Cefalù.

Il presule ha lasciato la guida della Diocesi per sopraggiunti limiti di età. Il 14 aprile è previsto l’insediamento del nuovo vescovo mons. Giuseppe Marciante.
Sincere parole di apprezzamento sono state quelle pronunciate dal direttore Virgilio: “è stata per noi una guida e un riferimento”.
Parole a cui monsignor Manzella ha voluto rispondere “Sono io che devo ringraziarvi per tutte le volte che mi avete accolto in questa struttura che invoca salute e benessere per quanti soffrono nel corpo e nello spirito.

Qualunque distacco – ha aggiunto Manzella - è un momento complesso. Mi porto nel cuore tutte le cose ho vissuto in questi anni e tutte le emozioni che ho ricevuto in questo ospedale: sono state più di quelle ho potuto dare. Avvicinare un fratello in un momento di sofferenza e ricevere un sorriso è il massimo che si può ottenere ed è questo che ho ricevuto tutte le volte che sono stato con voi. Per questo, sono io oggi a ringraziare voi”. Un messaggio di auguri, al termine della funzione religiosa, è stato rivolto anche dal direttore del distretto sanitario di Cefalù, Gaetano Buccheri.

4 vl/com 2018

Nella foto al centro mons. Vincenzo Manzella a destra il direttore generale della Fondazione Giglio Vittorio Virgilio e il cappellano dell’ospedale mons. Sebastiano Scelsi. A sinistra il direttore del distretto sanitario 33, Gaetano Buccheri e il diacono Vincenzo Camilleri.

Pubblicato in Comunicati stampa
Mercoledì, 21 Febbraio 2018 15:26

Corso di Neuroriabilitazione

LO SVOLGIMENTO DEL CONVEGNO E' STATO POSTICIPATO A DATA DA DEFINIRE.

 

La Fondazione Giglio di Cefalù ospiterà dal 7 al 12 maggio 2018 l'ottava edizione convegno  di neuroriabilitazione coorganizzato dalla Fondazione Giglio, dalla Società Italiana di Riabilitazione Neurologica e dalla Scuola di formazione della Sirn. Il convegno si terrà nella sala conferenze della Fondazione Giglio. 

L’obiettivo formativo del corso - si legge nel programma -  è: “documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura”. 

Presidenti del corso sono il direttore generale del Giglio di Cefalù, Vittorio Virgilio, e Carlo Cisari di Novara, mentre, responsabili scientifici Giuseppe Galardi che guida l'unità operativa di riabilitazione dell'ospedale di Cefalù e Stefano Masiero dell'Università degli Studi di Padova.

Il convegno è destinato a un massimo di 40 partecipanti e consente di maturare crediti formativi Ecm. La partecipazione è a numero chiuso. Saranno accolte, precisa la segreteria organizzativa, solo le prime 40 iscrizioni.

L'attestazione dei crediti è subordinata alla partecipazione effettiva all’intero programma formativo, nella misura del 100%, ed alla verifica dell’apprendimento.L’attestato di partecipazione, riportante il numero di crediti assegnati, verrà pertanto inviato tramite e-mail dopo avere effettuato tali verifiche dopo circa 90 giorni.

Per partecipare occorre compilare la scheda d’iscrizione e inviarla via fax o allegato mail alla segreteria organizzativa.

Queste le quote di iscrizione:

• ISCRIZIONE NON SOCIO SIRN € 800,00

• ISCRIZIONE SOCIO SIRN € 600,00

• ISCRIZIONE SPECIALIZZANDO € 300,00

L’iscrizione alla SIRN contestuale all’iscrizione al corso permette di accedere alle quote ridotte. La quota comprende: Accesso alle sessioni, certificato di partecipazione, lunch e coffee break dove previsti.

 La segreteria organizzativa è curata da: 

PLS Educational srl

Via della Mattonaia, 17 50121 Firenze (Italy)

tel. +39 055 2462.1 fax +39 055 2462.270

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - www.promoleader.com - www.maki-adv.it


Il programma 

8° EDIZIONE CORSO DI NEURORIABILITAZIONE 7-12 maggio 2018

LUNEDI 7 maggio 2018

STROKE

Moderatori: Luigi Grimaldi (Cefalù), Giulia Letizia Mauro (Palermo)

9,00-9,45 Antonio Gasparro (Palermo)

Inquadramento clinico dello stroke

9,45-10,30 Angelo Quartarone (Messina)

Meccanismi fisiopatologici dello stroke

10,30-11,00 Coffee break

11,00-11,45 Stefano Paolucci (Roma)

Stroke e disabilità

11,45-12,30 Mauro Zampolini (Perugia)

Stroke, plasticità, recupero

12,30-13,00 Discussione

13,00-14,30 Pausa pranzo

14,30-15,15 Roberto Dattola (Messina)

La riabilitazione del paziente con esiti di stroke

15,15-16,00 Domenico Restivo (Catania)

La disfagia

16,00-16,30 Coffee break

16,30-17,00 Marcello Romano (Palermo)

La tossina Botulinica negli esiti di stroke

17,00-17,30 Tommaso Cipolla (Cefalù)

Profilassi dello stroke cardio embolico

17,30-18,00 Francesca Rubino (Cefalù)

Profilassi farmacologica del tromboembolismo venoso nel paziente con ictus cerebri

18,00-18,30 Discussione

18,30-19,00 Alberto Castiglione (Cefalù)

Caso Clinico

19,00-20,00 LETTURA

Luigi Grimaldi (Cefalù)

Sclerosi Multipla La disabilità nell’era delle nuove terapie farmacologiche

MARTEDI 8 maggio 2018

SPINAL CORD INJURY

Moderatori: Jacopo Bonavita (Imola), Maria Pia Onesta (Catania)

9,00-9,45 Jacopo Bonavita (Imola)

Inquadramento clinico del paziente con SCI

9,45-10,30 Giorgio Scivoletto (Roma)

Meccanismi fisiopatologici dello SCI

10,30-11,00 Coffee break

11,00-11,45 Tiziana Di Gregorio (Catania)

SCI e disabilità

11,45-12,30 Maria Pia Onesta (Catania)

La riabilitazione del paziente con SCI

12,30-13,00 Discussione

13,00-14,30 Pausa pranzo

14,30-15,15 Giuseppe De Scisciolo (Firenze)

Diagnostica fisiopatologica nel paziente con SCI

15,15-16,00 Angela Pia De Girolamo (Palermo)

La vescica neurologica

16,00-16,30 Coffee break

16,30-17,15 Giuseppe De Scisciolo (Firenze)

Valutazione neurofisiologica del pavimento pelvico

17,15-18,00 Angela Pia De Girolamo (Palermo)

Il trattamento botulinico nella vescica iperattiva

18,00-18,30 Discussione

18,30-19,00 Jacopo Bonavita (Imola)

Terapia botulinica ed altre terapie infiltrative

19,00-20,00 LETTURA

Carmelo Iacobello (Catania)

Nuovi concetti di terapia antibiotica

MERCOLEDI 9 MAGGIO 2018

DISTURBI DELLA POSTURA E DELLA DEAMBULAZIONE

Moderatori: Matteo Cioni (Catania), Alessandro Giustini (Arezzo)

9,00-9,45 LETTURA

Marco Schieppati (Pavia)

Cammino lungo traiettorie curve: fisiopatologia e riabilitazione

9,45-10,30 Antonio Nardone (Pavia)

Inquadramento clinico dei disturbi posturali

10,30-11,00 Coffee break

11,00-11,45 Alessandro Giustini (Arezzo)

Postura e disabilità

11,45-12,30 Antonio Nardone (Pavia)

Riabilitazione dei disturbi posturali

12,30-13,00 Discussione

13,00-14,30 Pausa pranzo

14,30-15,15 Pietro Fiore (Bari)

Inquadramento clinico dei disturbi del cammino

15,15-16,00 Matteo Cioni (Catania)

Meccanismi fisiopatologici nei disturbi del cammino

16,00-16,30 Coffee break

16,30-17,15 Stefano Masiero (Padova)

Postura e cammino

17,15-18,00 Nicola Smania (Verona)

Riabilitazione del cammino

18,00-18,30 Discussione

18,30-19,00 Alessandra Del Felice (Padova)

Terapia botulinica

19,00-20,00 LETTURA

Alessandro Giustini (Arezzo)

DRG-R, SDO-R

GIOVEDI 10 MAGGIO 2018

FUNZIONI COGNITIVE

Moderatori: Mauro Mancuso (Arezzo), Giuseppe Zappalà (Catania)

9,00-9,45 Mauro Mancuso (Arezzo)

Inquadramento clinico dei disturbi cognitivi

9,45-10,30 Giuseppe Zappalà (Catania)

Disturbi del linguaggio

10,30-11,00 Coffee break

11,00-11,45 Mauro Mancuso (Arezzo)

Disturbi dell’attenzione spaziale

11,45-12,30 Giuseppe Zappalà (Catania)

Le sindromi frontali

12,30-13,00 Discussione

13,00-14,30 Pausa pranzo

14,30-15,15 Emilia Imbornone (Cefalù)

Disturbi della memoria

15,15-16,00 Francesco Piccione (Venezia)

La valutazione neurofisiologica delle funzioni esecutive

16,00-16,30 Coffee break

16,30-17,00 Mauro Mancuso (Arezzo)

La riabilitazione dell’eminegligenza

17,00-17,30 Francesco Piccione (Venezia)

Neurofeedback e neuromodulazione nella riabilitazione delle funzioni cognitive

17,30-18,00 Maria Luisa Gandolfi (Verona)

La riabilitazione dei disturbi del linguaggio

18,00-18,30 Discussione

18,30-19,00 Marina Bellavia (Cefalù)

Caso clinico

19,00-20,00 LETTURA

Teresa Fasciana (Palermo)

Meccanismi di resistenza antimicrobica

VENERDI 11 MAGGIO 2018

DISTURBI DI COSCIENZA

Moderatori: Rita Formisano (Roma), Caterina Pistarini (Genova)

9,00-9,45 Rita Formisano (Roma)

Inquadramento clinico dei disturbi di coscienza

9,45-10,30 Sergio Bagnato (Cefalù)

Meccanismi fisiopatologici dei disturbi di coscienza

10,30-11,00 Coffee break

11,00-11,45 Antonio De Tanti (Fontanellato)

Disturbi di coscienza e disabilità

11,45-12,30 Antonino Sant’Angelo (Barcellona PG)

La riabilitazione del paziente con disturbi di coscienza

12,30-13,00 Discussione

13,00-14,30 Pausa pranzo

14,30-15,15 Sergio Bagnato (Cefalù)

Valutazione neurofisiologica nel paziente con disturbi di coscienza

15,15-16,00 Rita Formisano (Roma)

Le scale di valutazione dello stato di coscienza

16,00-16,30 Coffee break

16,30-17,15 Antonio De Tanti (Fontanellato)

Para Osteopatie Eterotopiche

17,15-18,00 Caterina Pistarini (Genova)

La sindrome da iperattività simpatica

18,00-18,30 Discussione

18,30-19,00 Giuseppe Galardi (Cefalù)

Terapia botulinica

19,00-20,00 LETTURA

Anna Giammanco (Palermo)

Ecosistema microbico

SABATO 12 maggio

NEUROPATIE IATROGENE IN CARDIOCHIRURGIA

(Gruppo di Studio SINC sulle Neuropatie Traumatiche e Iatrogene)

Moderatori: Sergio Bagnato (Cefalù), Palma Ciaramitaro (Torino), Marcello Romano (Palermo)

8,30-9,00 Paolo Marchettini (Milano)

Epidemiologia delle neuropatie iatrogene post- cardiochirurgiche

9,00-9,30 Michele Pilato (Palermo)

Cardiochirurgia: il campo chirurgico e i tronchi nervosi

Arti superiori

9,30-10,00 Paolo Girlanda (Messina)

Neuropatia degli arti superiori dopo cardiochirurgia

10,00-10,30 Massimo Menozzi (Cefalù)

Anatomia e diagnostica per immagini

10,30-11,00 Coffee break

11,30-12,00 Palma Ciaramitaro (Torino)

Anatomia e diagnostica neurofisiologica

12,00-12,30 Sergio Bagnato (Cefalù)

Riabilitazione

12,30-13,00 Discussione

13,00-14,00 Pausa Pranzo

Voce, Respiro, Deglutizione

14,00-14,45 Giuseppe Galardi (Cefalù), Flora Gallo (Cefalù) Domenico Restivo (Catania)

Quadri clinici: insufficienza respiratoria, disfonia, disfagia

14,45-15,15 Valerio Alaimo (Cefalù)

Anatomia e diagnostica per immagini

15,15-15,45 Dario Cocito (Torino)

Anatomia e diagnostica neurofisiologica

15,45-16,15 Maria Ausilia D’Angelo (Cefalù), Silvestro Ennio D’Anna (Cefalù)

Riabilitazione

16,15-16,45 Discussione

16,45-17,15 Verifica dell’apprendimento

Pubblicato in Convegni
Martedì, 13 Febbraio 2018 11:50

Tecnica innovativa per chirurgia del Fegato

IL DIRETTORE VIRGILIO: NOSTRO OSPEDALE SEMPRE PIÙ QUALIFICATO IN ONCOLOGIA

Eseguiti alla Fondazione Giglio di Cefalù i primi cinque interventi di asportazione di tumori al fegato per via laparoscopica con l’innovativa tecnica della fluorescenza o del verde di indocianina.
L’indocianina è una sostanza, innocua per l’organismo, che viene iniettata al paziente 24 ore prima dell’intervento e consente di identificare nel fegato, con precisione, il tumore.
“La resezione epatica, grazie ad una apposita apparecchiatura – spiega il responsabile della chirurgia del Giglio, Marcello Spampinato - viene guidata dalla “fluorescenza” e l’asportazione del tumore viene completata evitando di lasciarne residui, soprattutto in prossimità dei margini di resezione. La indocianina – evidenzia il chirurgo - passa attraverso i tessuti del corpo e viene trattenuta solo nell’area attorno al tumore primitivo o alle metastasi”.
Uno straordinario passo avanti nella lotta ai tumori del fegato – afferma il direttore generale Vittorio Virgilio – che vede l’ospedale di Cefalù sempre più qualificato nella vocazione oncologica e protagonista nell’acquisizione di tecnologie e tecniche all’avanguardia”.
“Il colorante utilizzato – tiene a sottolineare Spampinato - permette ai chirurghi di scoprire anche piccole metastasi non visibili a TC e risonanza magnetica preoperatorie. Siamo una delle prime equipe chirurgiche in Italia - conclude Spampinato – ad utilizzare questa recentissima innovazione tecnologica sul fegato”.
I casi eseguiti al Giglio di Cefalù saranno presentati al congresso mondiale di chirurgia epato- bilio-pacreatica che si terrà a Ginevra, in Svizzera, a settembre 2018.
“L’unità operativa complessa di chirurgia generale della Fondazione Giglio si colloca così nel panorama nazionale ed internazionale di eccellenza in chirurgia epato-bilio-pancreatica”.

2 vl/com 2018
 

Pubblicato in Comunicati stampa
Venerdì, 29 Dicembre 2017 12:15

Senologia si rilancia

Giornale di Sicilia

23.12.2017

Cefalù, arriva un chirurgo per rilanciare l'unità di senologia

SANITÀ. L'ospedale Giglio «arruola» Roberto Gennari, un oncoplastico con esperienza internazionale e 3 mila operazioni alla mammella effettu Cefalù, arriva un chirurgo per rilanciare l'unità di senologi

CEFALÙ •••La Fondazione Giglio di Cefalù rilancia l'attività della «Breast Unit» (unità di senologia) con la definizione del percorso diagnostico e terapeutico di assistenza e l'implementazione dell'equipe multidisciplinare, diretta dal senologo Ildebrando D'Angelo.

A completare la squadra arriva, dalla Lombardia, Roberto Gennari, con una vasta esperienza in chinirgia senologia maturata all'Ieo di Milano, sotto la direzione del professore Umberto Veronesi, alla Fondazione Maugeri di Pavia, sotto la direzione del professore Alberto Costa, e con l'idoneità come full professor per la Breast Cancer Surgery ottenuta presso la facoltà di medicina di Aachen in Germania.

«Portiamo a Cefalù con Gennari - ha detto il direttore generale Vittorio Virgilio - una chinirgia moderna e innovativa che avrà una grande attenzione anche all'aspetto estetico delle donne sottoposte ad intervento. Ci proponiamo come una realtà - ha aggiunto Virgilio - che possa raccogliere e rispondere ai massimi livelli alle esigenze della popolazione siciliana sulla patologia neoplastica più frequente nelle donne».

Gennari ha al suo attivo oltre 3000 procedure chirurgiche per tumori della mammella trattati da primo operatore sia nella fase demolitiva per l'asportazione del tumore sia per la ricostruzione con tecniche di chirurgie oncoplastiche. «Un chirurgo a tutto campo ha sottolineato il manager - che arricchirà anche l'equipe di chinirgia generale diretta da Marcello Spampinato e che potrà dare anche un importante contributo nell'attività di ricerca in senologia».

«A Cefalù, nella chirurgia della mammella - ha anticipato Roberto Gennari - applicheremo tecniche all'avanguardia con un approccio multidisciplinare della patologia mammarie come richiesto dalle linee guida internazionali. Sarà anche molto importante instaurare protocolli di ricerca scientifica che ci permetteranno di avere contatti con centri di eccellenza italiani ed esteri».

La «breast unit» del Giglio nel 2017 ha seguito oltre 2000 pazienti effettuando: 2500 mammografie e 2000 ecografie, 150 risonanze magnetiche (esame di secondo livello) e oltre 250 ago-biopsie. Oltre 120 pazienti sono state sottoposte all'intervento di chirurga mammaria. Il 60 percento dei pazienti che si è rivolto, nel 2017, alla senologia del Giglio arriva da fuori del distretto sanitario di Cefalù.

«È un dato che dimostra - ha detto il senologo D'Angelo - come questo servizio sia cresciuto divenendo riferimento non solo per il territorio ma anche per diverse province siciliane. Il reparto dispone anche di una lort per la radioterapia intraoperatoria che contiamo di poter riattivare - ha spiegato D'Angelo - per ridurre i tempi del trattamento complementare post operatorio da 6 settimane a tré, e in casi selezionati, effettuarla in un'unica seduta contestuale all'intervento». 

Pubblicato in Dicono di noi
Pagina 1 di 7

Facebook

 

La Fondazione

La Fondazione Istituto San Raffaele G. Giglio di Cefalù, oggi Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, veniva istituita il 17 gennaio del 2003 attraverso una joint venture tra la Regione Siciliana, il Comune di Cefalù, l'Azienda USL 6 di Palermo, oggi Asp, e la Fondazione San Raffaele del Monte Tabor di Milano. Rappresentava uno dei primi modelli in Italia di sperimentazione pubblica-privata per la gestione di un ospedale pubblico, secondo quanto previsto dall'articolo 9 bis della legge n. 502 del 1992.

Continua a leggere...


Fondazione Istituto
G. Giglio di Cefalù

Contrada Pietrapollastra - Pisciotto
90015 Cefalù (PA)
Tel: +39 0921 920 111
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Servizi Online

I nostri servizi online sono a disposizione per garantirti la massima interazione con il tuo ospedale.

Medico Online
Referti Online
Prenotazioni Online

 

Intramoenia
Newsletter
URP

Premio Innovazione
Smau 2016
Riconoscimenti
Bollini rosa 2016-2017
Bollini rosa 2014-2015
Premio innovazione SMAU 2016 Ospedale Donna Ospedale Donna
Premio Innovazione
Smau 2017
 
coccarda premio 2017