Login

Accesso Utenti
giovedì 12 dicembre, 2019
Fondazione Istituto G.Giglio di Cefalù - Articoli filtrati per data: Giugno 2012

Ha voluto trasformare il regalo dei colleghi della Polizia Penitenziaria di San Cataldo (Cl), ricevuto il giorno della pensione, dopo 26 anni di servizio, in una donazione per il day hospital oncologico della Fondazione San Raffaele Giglio di Cefalù che, sino allo scorso 10 giugno, ha assistito il marito. Il gesto, condiviso dai colleghi, è dell'assistente capo Maria Intilla che, accompagnata dai familiari, ha consegnato nelle mani del responsabile dell'unità operativa di oncologia, Livio Blasi, tre televisori e una targa che espone le ragione di quest'atto di solidarietà. "Per l'umanità dimostrata – riporta la targa - e per il sostegno morale e professionale che date ogni giorno ai paziente di questo reparto. Esprimiamo la nostra più cordiale gratitudine". A firmare il breve pensiero la stessa Intilla e il marito Salvatore Di Pietra, recentemente scomparso. "Cerchiamo ogni giorno con il nostro lavoro – ha commentato Blasi - di mantenere elevato il rapporto di umanizzazione con il paziente soprattutto in situazioni particolarmente complesse". "Ho realizzato – ha detto la signora Di Pietra – quello che era il desiderio di mio marito, manifestato tutte le volte che entrava in day hospital". I tre televisori saranno sistemati nelle tre sale del day hospital oncologico dove i pazienti vengono sottoposti al trattamento chemioterapico. La signora ha voluto ringraziare i medici e gli infermieri del reparto e in particolare i sanitari Massimiliano Spada e Valentina Maniaci.

Pubblicato in Comunicati stampa

Medici provenienti dall'Arabia Saudita, Turchia e Iran partecipano, a rotazione, da questa settimana ad un training formativo presso l'unità di cardiologia del San Raffaele Giglio di Cefalù, diretta dal professore Tommaso Cipollla. Il progetto è l'Italian network of excellence for training, predisposto dalla società Medtronic, che coinvolge 11 strutture sanitarie italiane, fra cui il San Raffaele Giglio di Cefalù per la Sicilia. A curare la formazione è Gabriele Giannola responsabile del servizio di aritmologia. "Il training – ha spiegato Giannola – prevede l'impianto di pacemaker, defibrillatori, di sistemi per la resincronizzazione ventricolare, lo studio e l'ablazione delle aritmie oltre alla discussione sui risultati. I colleghi stranieri – ha aggiunto il medico – partecipano a tutta l'attività del reparto trasformando questa occasione in un prezioso momento per la condivisione di procedure ed esperienze cliniche". Il primo cardiologo ad arrivare a Cefalù è Galaleldin Ibrahim Ali del King Khalid University Hospital di Riyadh (Ksa). Dal 9 luglio toccherà invece ad un medico turco. Al progetto formativo collabora anche Ziad Ghaziri, tecnico Medtronic proveniente dal Libano. Il servizio di aritmologia del San Raffaele Giglio di Cefalù ogni anno esegue 500 interventi, 250 impianti di vari dispositivi fra cui 70 biventricolari per la cura dello scompenso cardiaco.

Pubblicato in Comunicati stampa

"La gestione del paziente oncologico e la qualità di vita in oncologia" è il tema dell'incontro che si svolterà domani, venerdì 22 giugno, alle ore 9, nella sala multimediale della Fondazione Istituto San Raffaele Giglio di Cefalù. Relatore dell'evento, organizzato dal responsabile dell'unità operativa di oncologia, Livio Blasi, è il professore Philip Salem direttore del San Luke's Episcopal Hospital di Houston in Texas. "E' un momento - sottolinea Livio Blasi - di grande rilevanza e di formazione per il contributo che il professore Salem porterà sulla gestione della paziente affetta da neoplasia mammaria in un'era in cui le target therapy ci indirizzano sempre più verso la personalizzazione delle terapie. Ciò – continua Blasi - si ripercuote nel miglioramento della qualità di vita del paziente". Sono, inoltre, previsti interventi di altri professioni sull'approccio multidisciplinare nelle cure oncologiche con testimonianze di pazienti che hanno affrontato la malattia.

Pubblicato in Comunicati stampa
Mercoledì, 06 Giugno 2012 02:00

San Raffaele Giglio avvia ospedale in Burundi

Centinaia di donne in attesa, tante mamme con i loro bambini hanno salutato l'avvio dell'ospedale Ibitario Cimpaye Sicilia, frutto della cooperazione tra la Diocesi di Ruyigi in Burundi, la Regione Siciliana e la Fondazione San Raffaele Giglio di Cefalù. In collegamento dal Burundi con il Forum del Mediterraneo in Sanità di Palermo, dove era presente l'assessore alla sanità, Massimo Russo, il presidente della fondazione siciliana, Stefano Cirillo, ha sottolineato i passaggi che hanno portato alla realizzazione di questo progetto umanitario in un'area dell'Africa dove l'indice di mortalità materna e neonatale è tra i più alti al mondo. "Quello di oggi – ha detto Cirillo - è un eccellenze risultato ottenuto grazie ai tanti volontari del San Raffaele Giglio che in questi due anni si spesi in condizioni disagiate per completare l'ospedale e dare una speranza alle mamme e ai bambini" Nell'ospedale Ibitaro Cimpaye Sicilia il cui nome significa "Dono di Dio" il San Raffaele Giglio sta attivato un'area materno infantile e una di primo soccorso". Parole di apprezzamento per il progetto umanitario che la Sicilia ha realizzato per il Burundi sono state pronunciate da mons. Serapion Bambonanire e da Augustin Niyitunga, in rappresentanza del vescovo di Ruyigi. L'ospedale Ibitaro Cimpaye Sicilia si trova a Rusengo nella provincia di Ruyigi. I lavori sono stati avviati nel 2005 e rifinanziati dalla Regione per il completamento nel 2010. L'ospedale ha già ottenuto le autorizzazioni provvisorie del Ministero della Salute Burundese e potrebbe essere inserito tra le 50 opere che il presidente della Repubblica del Burundi, inaugurerà, a luglio, in occasione dei 50 anni dell'indipendenza del Paese.

Pubblicato in Comunicati stampa

Collegamento dal Burundi dall'Ospedale Ibitaro Cimpaye Sicilia con il teatro Politeama di Palermo, domani (mercoledì 6), alle ore 11, in occasione del Forum del Mediterraneo in Sanità che si svolge nel capoluogo siciliano. Verrà presentato lo stato dell'arte dell'ospedale burundese realizzando con fondi della cooperazione internazionale messi a disposizione dalla Regione Siciliana. In skype dal Burundi ci sarà il presidente del San Raffaele Giglio, Stefano Cirillo, i tecnici e i medici dell'ospedale di Cefalù che hanno completato il montaggio di apparecchiature medicali frutto della solidarietà di diversi ospedali siciliani. E, il personale burundese che sta seguendo la formazione. Al teatro Politeama prevista la presenza delle autorità intervenute per l'inaugurazione del Forum. L'ospedale Ibitaro Cimpaye Sicilia si trova a Rusengo nella provincia di Ruyigi, a est del piccolo stato africano. L'opera, di proprietà della Diocesi di Ruyigi, è stata costruita in memoria del Beato Giovanni Paolo II. Il nome Cimpaye Sicilia significa "Dono di Dio". I lavori per l'ospedale sono stati avviati nel 2005 e rifinanziati dalla Regione per il completamento nel 2010. Il San Raffaele Giglio, che ha sposato il progetto umanitario, sta supportando l'avvio delle attività sanitarie finalizzate all'apertura di un pronto soccorso e di un'area materno infantile, in un paese in cui si registra un indice di mortalità materna e neonatale tra i più alti al mondo. L'ospedale ha già ottenuto le autorizzazioni provvisorie del Ministero della Salute Burundese e potrebbe essere inserito tra le 50 opere che il presidente della Repubblica del Burundi, inaugurerà, a luglio, in occasione dei 50 anni dell'indipendenza del Paese.

Pubblicato in Comunicati stampa

Contatti

Vincenzo Lombardo
Vincenzo Lombardo
Direttore Comunicazione e Ufficio Stampa
 
Ufficio Stampa
phone icon +39 0921 920 683
fax icon +39 0921 920 413
phone icon 335 8382991
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

twitter icon

@vincilomb

Codice QR

Acquisisci contatto WhatsApp
Qr WhatsApp

Ricerca

I Canali Social

FacebookTwitterGoogleYoutubeInstagramLinkedinYelp

Archivio Comunicati Stampa

Facebook

 

La Fondazione

La Fondazione Istituto San Raffaele G. Giglio di Cefalù, oggi Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, veniva istituita il 17 gennaio del 2003 attraverso una joint venture tra la Regione Siciliana, il Comune di Cefalù, l'Azienda USL 6 di Palermo, oggi Asp, e la Fondazione San Raffaele del Monte Tabor di Milano. Rappresentava uno dei primi modelli in Italia di sperimentazione pubblica-privata per la gestione di un ospedale pubblico, secondo quanto previsto dall'articolo 9 bis della legge n. 502 del 1992.

Continua a leggere...


Fondazione Istituto
G. Giglio di Cefalù

Contrada Pietrapollastra - Pisciotto
90015 Cefalù (PA)
Tel: +39 0921 920 111
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Servizi Online

I nostri servizi online sono a disposizione per garantirti la massima interazione con il tuo ospedale.

Medico Online
Referti Online
Prenotazioni Online

 

Intramoenia
Newsletter
URP

Premio Innovazione
Smau 2016
Riconoscimenti
Bollini rosa 2016-2017
Bollini rosa 2014-2015
Premio innovazione SMAU 2016 Ospedale Donna Ospedale Donna
Premio Innovazione
Smau 2017
Premio Innovazione
Smau 2019 
coccarda premio 2017 coccarda premio 2019