Login

Accesso Utenti
mercoledì 20 marzo, 2019
Fondazione Istituto G.Giglio di Cefalù - Articoli filtrati per data: Settembre 2016

 E’ stata in visita, stamani, alla Fondazione Giglio di Cefalù la senatrice Simona Vicari. E’ stata accolta dal presidente del Consiglio di amministrazione Giovanni Albano, dal direttore generale Vittorio Virgilio e dal sanitario Lorenzo Lupo. La visita della senatrice Vicari segue quella della scorsa settimana con i parlamentari dei cinque stelle. La Fondazione è stata al centro di un’accesa protesta su un ridimensionamento, poi superato, dettato dalla nuova rete ospedaliera.

Il direttore generale Virgilio, illustrando l’attività della Fondazione, ha sottolineato “che è una struttura in attivo di bilancio, che offre servizi di elevata complessità e con una forte attrattività di pazienti provenienti da tutta la regione”. L’indice di complessità di tutte le specialistiche è superiore alla media regionale.
“La Fondazione – ha poi aggiunto il manager - deve prendere il volo implementando le attività specialistiche. Noi non siamo in concorrenza con altre aziende – ha poi evidenziato – ma dobbiamo offrire quelle prestazioni che altre aziende ospedaliere non offrono proiettandoci verso l’alta complessità. Il nostro lavoro è profuso - ha affermato il direttore generale – anche verso l’incremento dell’attività di ricerca per centrare l’obiettivo, anticipato dal presidente della Regione Crocetta, di fare l’ospedale di Cefalù un istituto di ricerca. Chiediamo alla deputazione nazionale e regionale di sostenere questo progetto”.
La senatrice Vicari, che ha garantito il suo sostegno, ha sottolineato “l’importanza di tenere alto il livello di qualità, unico strumento che potrà difendere nel tempo l’ospedale di Cefalù. La mia battaglia per questa realtà – ha aggiunto - è stata di sistema, meritocratica, di salute pubblica in un territorio, compreso tra Palermo e Messina, dove non esistono specialistiche che sarebbero state chiuse all’ospedale Giglio nonostante gli elevati livelli raggiunti”.
Il presidente Albano ha ringraziato la senatrice Vicari per l’attenzione e la vicinanza alla Fondazione Giglio. “Siamo consapevoli di aver superato un momento di difficoltà legato all’applicazione del DM70 – ha detto - e siamo fiduciosi che si troverà la soluzione non solo per mantenere l’esistente ma anche per rilanciare e proiettarci verso un istituto di ricerca”. Il presidente ha, inoltre, anticipato che sono stati presentati diversi progetti di ricerca a valere sui fondi europei”.
37 vl/Com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa
Venerdì, 23 Settembre 2016 19:28

Delegazione M5S visita Fondazione Giglio

Una delegazione del Movimento 5 Stelle ha visitato, nel pomeriggio la Fondazione Giglio di Cefalù, struttura sanitaria di alta specializzazione, al centro, negli scorsi giorni, di un’accesa protesta su un possibile ridimensionamento prospettato con la nuova rete ospedaliera siciliana.

La delegazione era composta dai deputati nazionali Laura Castelli (capogruppo alla Camera) e Azzurra Cancelleri, e dai parlamentari regionali Francesco Cappello e Salvatore Siragusa, accompagnati dagli attivisti del Meetup di Cefalù, guidati dall’avvocato Giuseppe Provenza.
La direzione strategica, prima della visita della struttura, ha illustrato l’attività svolta per riportare il bilancio della Fondazione Giglio in attivo, ripianando anche tutti i debiti verso gli istituti di credito. E’ stato, inoltre evidenziato, che “tutti i reparti sono stati organizzati per area dipartimentale con particolare attenzione alla centralità dei pazienti che arrivano al Giglio da tutte le provincie della Sicilia. E, che i reparti specialistici della Fondazione hanno erogato servizi di alta complessità traguardando l’obiettivo di superare l’indice di complessità medio della regione siciliana”.
La delegazione ha quindi visitato l’ospedale e in particolare la medicina nucleare, l’area riabilitativa l’oncologia e il nuovo reparto di ostetricia dotato di camere singole e di ogni comfort alberghiero.

36 vl/Com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa
Mercoledì, 14 Settembre 2016 11:53

Fiorello in campo per il Giglio di Cefalù

Fiorello scende in campo per difendere l’ospedale Giglio di Cefalù. Nella sua trasmissione quotidiana “L’edicola di Fiorello” lancia un appello al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

“Su certe cose - dice in diretta l’artista siciliano, non nuovo a prese di posizione in sostegno della sua regione d’origine - ci devo mettere la faccia. So che stanno per chiudere cinque reparti dell’ospedale di Cefalù” mentre legge in diretta un articolo dove si annunciano tagli e licenziamenti.
“Non conoscono a fondo il problema, comunque c’è”, dice Fiorello. “Gli amici di Cefalù mi hanno chiesto una mano e lo sto facendo”.
L’artista invita quindi il Ministro Lorenzin, a cui indirizza gli auguri per il recente matrimonio, a fare anche una telefonata all’ospedale di Cefalù per vedere cosa succede”.
L’annunciata rete ospedaliera, predisposta dall’assessorato regionale alla salute, taglierebbe reparti vitali per il mantenimento dell’ospedale Giglio declassandolo da centro di alta complessità a presidio di base.

Link video su youtube

Link wetransfer a video Fiorello https://we.tl/U2Wnpy52V8

34vl

Pubblicato in Comunicati stampa
Martedì, 13 Settembre 2016 14:56

Dipendenti del Giglio scrivono al Papa

ARRIVA ANCHE UNA LETTERA APERTA DELLE SUORE FRANCESCANE ”NON IMPOVERITE L’OSPEDALE”

“Caro Papa Francesco, chi ti scrive è una comunità di 700 famiglie che da 15 anni è devota alla tutela della salute di un grosso bacino di territorio che comprende le Madonie e i Nebrodi (circa 650 mila persone)”. Inizia così la lettera indirizzata dai dipendenti dell’ospedale Giglio di Cefalù al Santo Padre dopo l’annunciato declassamento della struttura sanitaria con la nuova rete regionale.
“Questa nostra vocazione – scrivono – è stata violentemente deturpata in circa 15 minuti, periodo nel quale abbiamo appreso che avremmo dovuto sospendere drasticamente questa missione nei confronti del nostro prossimo.
Tutto ciò – proseguono i dipendenti - addolora profondamente le nostre coscienze poiché ci rende vani nel porre un aiuto sia sanitario che umanitario nei confronti della gente che ci circonda. Siamo oltre 40 comuni”, dicono. “Da noi non si può più nascere, alleviare le sofferenze o tentare con l’aiuto di nostro Signore, di allungare la vita”.
A sostegno del Giglio sono scese le sorelle Francescane di Tusa, comune del messinese, con una lettera aperta “per cercare di impedire che la bella realtà dell’ospedale Giglio di Cefalù, venga irrimediabilmente ferita e impoverita con la chiusura di preziosi reparti”.
“Conosciamo tantissima gente di Tusa e dei paesi vicini – rilevano le sorelle - che sono stati ricoverati ed efficacemente curanti anche nei reparti che ora si dovrebbero chiudere. Se quei reparti fossero strutture fantasma inefficienti, inefficaci si potrebbe giustificare e avvalorare un simile taglio. Ma così non è. Tutt’altro”.
Le sorelle si dicono “scandalizzate da un simile modo di procedere e di agire. A pagarne le conseguenze sono sempre le fasce più povere e svantaggiate dei cittadini”.

33 vl/Com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa

CEFALU’ - 12 settembre 2016 - Ci sono i sindaci e i consiglieri delle Madonie e dei Nebrodi, semplici cittadini e poi i 724 dipendenti a rischio di licenziamento del Giglio alla manifestazione organizzata, a Cefalù, per dire con forza “giù le mani del Giglio”. Un ospedale nato come centro d’eccellenza e che l’assessorato regionale alla salute, con il riordino della rete ospedaliera, sta per declassificare a presidio di base.
C’è preoccupazione tra i pazienti, la cittadinanza e i lavoratori il cui posto di lavoro è a rischio. “Se il piano della regione andrà in porto, con la chiusura di 5 branche specialistiche e di vari servizi, gli uffici del Giglio hanno già stimano 319 licenziamenti. “Non si potrà garantire - ha detto il presidente del cda del Giglio, Giovanni Albano - la sostenibilità finanziaria dell’azienda, che rischierebbea chiusura con la fine di un sogno”.
Una preoccupazione che si è trasferita in una città che ha perso, pochi mesi fa, la sede del tribunale, dell’agenzia delle entrate, rimasta con un solo sportello, del giudice di pace e che rischia di essere impoverita dalla possibile chiusura dell’ospedale. Sul palco, allestito nella palestra della scuola media, dinanzi a migliaia di cittadini hanno preso la parola in tanti. Il management del Giglio ha spulciato i dati, mostrando con numeri alla mano che l’ospedale di Cefalù serve un bacino che va oltre il distretto sanitario. “Il 75 percento di pazienti viene da fuori provincia, di cui il 40 percento da Palermo e circa il 20 percento dal messinese”.
Accorato l’intervento del sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, che dice chiaramente “l’ospedale non si tocca: giù le mani dal Giglio. Qui sono stati investiti milioni di euro per costruire un grande ospedale. Sul campo è stato dimostrato che questa struttura serve un grande bacino di utenza tra Palermo e Messina dove non vi è altra oncologia, urologia ed emodinamica oltre a quella del Giglio. La scelta di Gucciardi riporta Cefalù a 23 anni addietro. Non possiamo accettarlo”.
“Sui 1117 pazienti oncologici - ha detto il management del Giglio - 835 arrivano da comuni fuori distretto. La nostra emodinamica ha trattato oltre 850 cuori, negli ultimi due anni, in interventi salvavita con un indice di mortalità che pone Cefalù tra le migliori emodinamiche in Sicilia”.
Numerosi i sindaci si sono alternati al microfono dell’assemblea diretta dal presidente del consiglio comunale di Cefalù, Antonio Franco.
Il sindaco di Tusa, Angelo Tudisca, ha definito il declassamento di Cefalù “un sopruso che Madonie e Nebrodi non si possono accettare altrimenti l’unico incremento per questo territorio sarà nel cimitero”. Da Polizzi, Francesco Dolce si “è augurato che questa classe politica non faccia disastri”. Per il sindaco di Castelbuono, Tumminello “razionalizzazione vuol dire un’altra cosa, non tagliare”. Il sindaco di Pollina, Magda Culotta ha “ribadito l’impegno per il Giglio che non ho - ha detto - mai fatto mancare”.
Hanno preso la parola alcuni consiglieri comunali che hanno raccontando l’esperienza personale avuta con Giglio come Daniele Tumminello (Cefalù) “se i miei figli possono avere un padre è grazie all’ospedale Giglio di Cefalù”. Così Anche Nunzio Castiglia (Pollina) “porto la mia testimonianza da vivente grazie al Giglio”. Altri consiglieri con Giovanni Iuppa (Cefalù) si sono detti disposti a dimettersi in massa nelle mani del Prefetto se questo piano di Gucciardi dovesse andare avanti”. Mentre il sindacalista Drago della Cisl si interroga “sul senso di mantenere 7 emodinamiche a Palermo mentre viene tagliata quella del Giglio”.
Sentiti gli interventi dei medici del Giglio dal cardiologo Tommaso Cipolla, all’oncologo Massimiliano Spada, all’urologo Salvino Biancorosso. Mentre da più parti è stato rilevato che il decreto ministeriale non si deve applicare con ottusità ma con intelligenza.
Presenti i rappresentati istituzionali oltre a Cefalù, di Castelbuono, Collesano, Gratteri, Lascari, Pollina, San Mauro Castelverde, Santo Stefano di Camastra, Pettineo, Campofelice di Roccella, Isnello, Scillato, Sclafani, Caltavuturo, Castellana, Polizzi, Petralia Soprana e Sottana, Geraci, Gangi, Valledolmo, Sciara, Caccamo, Termini Imerese, Montemaggiore e Aliminusa.
La seduta dell’assemblea si è conclusa con l’approvazione di un documento che dovranno fare proprio i consigli comunali dei Nebrodi e delle Madonie per “attivare tutti gli atti e le azioni indispensabili al conseguimento delle determinazioni espresse nel corso dei lavori. Al fine - si legge nel documento - di scongiurare il declassamento dell’ospedale di Giglio e i conseguenti provvedimenti di chiusura dei suddetti reparti intervenendo con la dovuta sollecitazione e determinazione nei confronti della Presidenza e dell’assessorato alla salute della Regione Siciliana ma anche nei confronti del Ministero della Salute e del Governo Nazionale”.
vl
mobile 330696527

Pubblicato in Comunicati stampa

“Stavamo uscendo dal tunnel, abbiamo visto la luce e ora cercano di farci tornare indietro di circa 15 anni”. Lo ha detto il presidente della Fondazione Istituto Giglio di Cefalù, Giovanni Albano, incontrando i giornalisti sulla rimodulazione della rete ospedaliera siciliana.

“Non pensavamo che si arrivasse a questo. La situazione è drammatica. Stiamo cercando di aprire una interlocuzione con l’Assessorato alla Salute, con il Ministero alla salute, con il territorio. L’ospedale dovrà chiudere 5 unità operative fra cui: urologia, oncologia, neurologia, chirurgia vascolare, l’emodinamica, che sono state il fiore all’occhiello di questo ospedale ed hanno contribuito a salvare centinaia di vite umane. Questo, con la riduzione del budget, determinerà l’insostenibilità finanziaria dell’azienda. La chiusura di queste divisioni porterà inevitabilmente alla chiusura dell’ospedale. Il primo step sarà al 31 dicembre 2016 dove si rischia di mandare a casa da 300 a 400 persone.
La regione – ha continuato Albano - riveda la valutazione sull’ospedale Giglio basandosi esclusivamente su criteri di qualità. Questa struttura supera i 20.000 accessi di pronto soccorso annui, ne registra 23 mila ed ha un bacino di utenza che i nostri tecnici hanno stimato, sulla base della provenienza dei pazienti, di ben 596.971 abitanti. I ricoveri nell’ultimo anno sono stati 7100. L’indice di complessità delle attività effettuate in tutte le discipline è superiore alla media regionale. Abbiamo azzerato i debiti con le banche e abbiamo chiuso il nostro bilancio con un attivo di 500 mila euro. Siamo una Fondazione solida e di eccellenza”, ha rilevato. Come si fa con questi parametri –mi chiedo e chiedo – a trasformare un ospedale di primo livello a presidio di base?
“Sono fiducioso - ha detto in conclusione il presidente Albano - che alla fine il buon senso prevarrà e questo ospedale continuerà a operare nell’interesse della comunità siciliana”.
32 vl/Com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa
Venerdì, 09 Settembre 2016 15:44

Incontro con sindaci fissato per lunedì 12

L’incontro con i sindaci si terrà lunedì 12 settembre alle ore 16.30 presso l’atrio della scuola media Rosario Porpora di Cefalù e non oggi, come precedentemente annunciato. Lo ha reso noto il presidente della Fondazione Giglio di Cefalù, Giovanni Albano. La Fondazione prenderà parte a una seduta del Consiglio comunale di Cefalù aperta ai sindaci, ai consigli comunali delle Madonie e ai cittadini.

32 vl/com

Pubblicato in Comunicati stampa

E’ in corso all’ospedale di Cefalù un’assemblea dei dipendenti della struttura sanitaria. C’è forte preoccupazione per il futuro dell’ospedale e per i pazienti seguiti al Giglio. I dipendenti hanno costituito un comitato che incontrerà in mattinata il sindaco di Cefalù. Alle ore 13 è prevista una conferenza stampa con il presidente Giovanni Albano.
Nel pomeriggio il presidente, alle 17, incontrerà i sindaci del distretto sanitario di Cefalù.
La direzione sanitaria sottolinea che tutte le prestazioni programmate sono garantite.

31 vl/Com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa

Il presidente della Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, Giovanni Albano, a seguito della rimodulazione della rete ospedaliera, domani (venerdì 9) alle ore 13 incontra i giornalisti presso la sala conferenze dell’ospedale Giglio.

30vl/com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa

Lo ha detto incontrando i sindaci delle Madonie

“Se dovesse andare in porto l’ipotesi di ridimensionamento dell’ospedale di Cefalù il prezzo che pagherà questa struttura sarà altissimo”. Lo ha detto il presidente della Fondazione Giglio di Cefalù, Giovanni Albano, incontrando, in serata, i sindaci di tutte le Madonie. “Con i sindaci - ha detto Albano - abbiamo voluto condividere le nostre preoccupazioni per il mantenimento dell’offerta sanitaria e dei livelli occupazionali dell’ospedale. Valuteremo insieme al territorio - ha concluso - eventuali azioni da intraprendere qualora le nostre preoccupazioni dovessero concretizzarsi nella nuova rete ospedaliera”.

vl 28/com 2016

Pubblicato in Comunicati stampa
Pagina 1 di 2

Contatti

Vincenzo Lombardo
Vincenzo Lombardo
Direttore Comunicazione e Ufficio Stampa
 
Ufficio Stampa
phone icon +39 0921 920 683
fax icon +39 0921 920 413
phone icon 335 8382991
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

twitter icon

@vincilomb

Codice QR

Acquisisci contatto WhatsApp
Qr WhatsApp

Ricerca

I Canali Social

FacebookTwitterGoogleYoutubeInstagramLinkedinYelp

Facebook

 

La Fondazione

La Fondazione Istituto San Raffaele G. Giglio di Cefalù, oggi Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, veniva istituita il 17 gennaio del 2003 attraverso una joint venture tra la Regione Siciliana, il Comune di Cefalù, l'Azienda USL 6 di Palermo, oggi Asp, e la Fondazione San Raffaele del Monte Tabor di Milano. Rappresentava uno dei primi modelli in Italia di sperimentazione pubblica-privata per la gestione di un ospedale pubblico, secondo quanto previsto dall'articolo 9 bis della legge n. 502 del 1992.

Continua a leggere...


Fondazione Istituto
G. Giglio di Cefalù

Contrada Pietrapollastra - Pisciotto
90015 Cefalù (PA)
Tel: +39 0921 920 111
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Servizi Online

I nostri servizi online sono a disposizione per garantirti la massima interazione con il tuo ospedale.

Medico Online
Referti Online
Prenotazioni Online

 

Intramoenia
Newsletter
URP

tr style="text-align: center;">Premio Innovazione
Smau 2019 

Premio Innovazione
Smau 2016
Riconoscimenti
Bollini rosa 2016-2017
Bollini rosa 2014-2015
Premio innovazione SMAU 2016 Ospedale Donna Ospedale Donna
Premio Innovazione
Smau 2017
Premio Innovazione
Smau 2019 
coccarda premio 2017 coccarda premio 2019